venerdì 11 settembre 2015

Con vergogna ed amarezza :-(

Piazza Mercato del nostro paese: ci si va con i bimbi per riempire le bottiglie alla Casa Dell'Acqua. 
In questi giorni è così:


La piazza è un luogo pubblico. Gli striscioni non sono firmati.

Si è portati a credere che tutta Lazzate condivida questi messaggi.

Eppure conosciamo almeno altre sei persone che si sono indignate di fronte a queste scritte. Lazzatesi, tanto quanto chi le ha tracciate.


A volte senti di non poter proprio tacere.
A volte è un DOVERE schierarsi, scegliere da che parte stare.

Noi non siamo grandi oratori; ce la caviamo un po' meglio con le immagini.
Lasciamo ai disegni il compito di esprimere quello che proviamo adesso.






Indicibile vergogna e profonda, profondissima amarezza.

5 commenti:

Piperita Patty ha detto...

E' veramente triste vedere queste cose, soprattutto quando le opinioni vengono collettivizzate senza che vengano davvero condivise da tutti. Per fortuna ci sono persone come voi.

Serena Scipioni ha detto...

Incredibile come anni di storia non insegnino nulla...

Roberta Radice ha detto...

Bravi! Purtroppo l' italiano medio ha la memoria corta...

Marcello Fiorentino ha detto...

Cari Teresa e Stefano, questa sera ho apprezzato la presentazione del vostro ultimo libro e vi ho trovati meravigliosamente semplici. Se volete sapere cosa ne penso del post in questione vi invito a leggere una mia sceneggiatura (musical) sul tema. Inviatemi mail che invio copione. In pratica è la storia della fuga di tre giovani africani verso Lampedusa. Ciao. Marcello.

Teresa Radice & Stefano Turconi ha detto...

Ciao Marcello! Grazie di essere venuto alla presentazione! Puoi mandarci una mail qui: grossiturchi@libero.it